Il-bacio-Francesco-Hayez-Pittori-italiani-dellOttocento-quanto-vale

Pittori italiani dell’Ottocento

A cura di Carlo Spada

L’Italia è il Paese della storia e dell’arte, musa ispiratrice per artisti di tutto il mondo. Sono centinaia gli artisti che hanno contribuito alla storia dell’arte in Italia, donando quella bellezza e quella particolarità invidiata all’estero; da Cimabue e Cavallini nel 1300 a Piero Della Francesca, Tiziano, Leonardo, Caravaggio, Canova nei secoli successivi.
In questo articolo parleremo dei pittori italiani dell’Ottocento in Italia e dove poter acquistare e vendere le loro opere, talvolta anche di inestimabile valore.

Il ritorno al passato

I primi decenni del 1800 assistono alla diffusione e allo sviluppo del Neoclassicismo e dello stile Impero. I pittori e gli artisti italiani hanno la possibilità di ispirarsi a grandi esempi del passato, sia sotto il profilo artistico che architettonico.

Francesco Hayez è l’interprete più rappresentativo della prima fase del Romanticismo, partendo dalla riscoperta e dall’arte dei secoli precedenti. Grazie al suo grande apporto e ai suoi studi in ambito artistico, si presenta un forte incremento di produzione di tele raffiguranti scene e personaggi del Medioevo e Rinascimento, a discapito dei dipinti sacri.

Il bacio - Francesco Heyez - Valutazione quadri dipinti antichi - pittori ottocento
Il Bacio. Episodio della giovinezza – Francesco Heyez (1859). Olio su tela

Non solo le arti figurative ma anche il teatro, l’opera lirica e il romanzo si ispirano ai personaggi e agli scenari del passato.

Il “recupero” della realtà

Soltanto verso la seconda metà del XIX secolo gli artisti torneranno a dipingere la realtà circostante. È soprattutto grazie ai “macchiaioli“, dove pittori quali Signorini, Fattori e Lega rappresentano la realtà a loro circostante, con una ricchezza cromatica tale da paragonarla a quella degli impressionisti Francesi.

Giovanni Fattori - La rotonda dei Bagni Palmieri - valutazione quadri - pittori dell'ottocento
La rotonda dei Bagni Palmieri – Giovanni Fattori (1866). Tavola

Nella seconda metà del secolo si volge l’attenzione sui nuovi temi sociali. Nel periodo successivo all’unità d’Italia, si abbandona la passione per l’arte rinascimentale e ci si accorge della situazione di arretratezza in cui si trova gran parte del Bel Paese e il disagio della povertà. Questa fase verrà chiamata “delusione postunitaria“.

I pittori Piemontesi dell’Ottocento: Fontanesi e Delleani

La pittura e l’arte in generale hanno attraversato un periodo di splendore nelle regioni del nord-Italia. Soprattutto in Piemonte, dove la vicinanza alla Francia e alla Svizzera hanno avvicinato il gusto della pittura ad uno stile romantico. Gli artisti piemontesi del XIX secolo amano la loro terra e voglio dare ai loro concittadini il contributo più significativo, grazie soprattutto all’Accademia di Torino, viaggiando per l’Europa e visitando le mostre svizzere e francesi.

Antonio Fontanesi

Nato nel 1818, Antonio Fontanesi è fautore del “risveglio” post rinascimentale, dando un contributo alle decorazioni murarie di case agiate, che ai tempi era una consuetudine nell’Italia centrale e meridionale.
Egli dipinse quadri, disegni a carboncino, a pastello, acquaforti ed è stato amato da altri pittori, che lo accompagneranno nelle sue frequenti visite in Francia. Si trasferì a Torino, dove tenne la scuola di paesaggio. Il suo stile era molto particolare, in quanto lo spazio, la luce e l’atmosfera, secondo l’autore, servono per rendere visibile l’invisibile.

Pascolo nel Delfinato - Antonio Fontanesi - pittori dell'ottocento - valutazioni quadri online
Pascolo nel Delfinato – Antonio Fontanesi

La ripetizione di toni ridotti quasi al monocromato, con scuri modulati su bruni caldi, conferiscono alle sue opere un dettaglio molto particolare, quasi come se Fontanesi cercasse un conforto spirituale nella natura.

Lorenzo Delleani

Di minor importanza rispetto a Fontanesi, Loranzo Delleani è stato un’ottimo artista. Nato nel 1840, egli è pittore di quadri storici dove la fantasia sulle ricostruzioni è decisamente suggestiva, meritandosi i plausi di diversi artisti dell’epoca.
Tra i suoi quadri ricordiamo Quies (esposto a Milano nel 1881) e Romitaggio (acquistato da Sua Maestà Umberto I).

Quies---Lorenzo-Delleani,-1881---pittori-dell'ottocento---valutazione-quadri
Quies – Lorenzo Delleani (1881)

Ho dei quadri del 1800. A chi posso rivolgermi per una valutazione online?

Quantovale è formato da un team di esperti nel settore dell’arte e dell’antiquariato, con esperienza ultra-ventennale nel commercio di quadri antichi e moderni, modernariato, sculture, marmi, vasi cinesi e molto altro.
Contattaci, cliccando sul pulsante in basso, per ottenere una valutazione dai nostri esperti in MENO DI 12 ORE.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pin It on Pinterest